Il lavoro di rigenerazione
Il corpo di Gloria – La resurrezione

 

Il primavera quando il sole comincia a riscaldare e che la terra resta più a lungo esposta ai suoi raggi, tutto germoglia, tutto diventa bello, ricco, la vita circola ovunque…
"Il lavoro spirituale può essere paragonato al lavoro che il sole compie sulla terra: infatti il nostro spirito, così come fa il sole, anima e vivifica il nostro corpo, affinché salute, luce e pienezza risiedano in noi. Se il nostro spirito illumina e purifica ogni giorno il nostro essere, una nuova vita inizierà a circolare in noi. Nessuna espansione può aver luogo se il sole, il nostro spirito, è assente. Ecco perché chi vuole vivere la vera religione deve meditare sul sole. Tutti sapete che il sole esiste e sapete come agisce sulle creature, ma assai pochi di voi hanno pensato di introdurre il sole come potenza vitale nel proprio cuore, nella propria anima e in tutto il proprio essere. Chi impara a far sorgere tutti i giorni il proprio sole interiore si avvicina alla resurrezione." (Pensiero del 20 aprile 2003)

Natale e Pasqua nella tradizione iniziatica
La collocazione del Natale e della Pasqua nel ciclo dell’anno - solstizio d’inverno ed equinozio di primavera- fa ben trasparire il loro …
14.00 CHF Aggiungere
Leggi di più ...
Lo Yoga del sole
Gli splendori di Tipheret Quando ci concentriamo sul sole, che rappresenta il centro del nostro universo, ci avviciniamo al centro che è in …
26.00 CHF Aggiungere
Leggi di più ...

La costruzione del corpo di Gloria

"La resurrezione è sempre stata insegnata nei santuari iniziatici. Ma come avviene questa resurrezione, è questo che pochissimi spiritualisti conoscono…
Il corpo fisico dell’uomo possiede un altro corpo invisibile, sottile, che viene chiamato doppio eterico o corpo vitale ed è esso che contiene i germi del corpo della resurrezione. Con i suoi pensieri e i suoi sentimenti luminosi, spirituali, l’uomo forma questo corpo di Resurrezione, che viene chiamato anche corpo di Gloria, corpo di luce, d’immortalità, che si deve far resuscitare un giorno.

Non si crea il corpo di Gloria, ogni essere lo possiede sotto forma di germe, e il lavoro del discepolo consiste appunto a innaffiarlo, riscaldarlo, alimentarlo. Il corpo di Gloria può essere formato solo dal meglio di noi stessi. Se lo nutriamo a lungo della nostra carne, nel nostro sangue, della nostra vita, diventa luminoso, raggiante, potente, immortale, perché è formato da materiali inalterabili, compie meraviglie, innanzitutto in noi, e in seguito attorno a noi.

Per questo, quando vivete dei momenti molto intensi di vita spirituale, quando vi unite al Cielo, al sole, per cogliere qualche particella luminosa, in quel momento, nutrite il vostro corpo di Gloria, lo rinforzate. Perché questi sentimenti d’amore e di meraviglia, queste emozioni, sono delle particelle grazie alle quali formate il vostro proprio figlio, il vostro corpo di Gloria."

Il ruolo del corpo eterico


"Il corpo eterico fa parte del corpo fisico e non lo si cita sempre, ma lo si può per fare comprendere più chiaramente certi problemi della nostra vita interiore. Se si dona il giusto posto al corpo eterico, si vede che è in relazione con il corpo Buddico, e approfondendo questo legame, si scopre come si edifica nell’uomo questo corpo che chiamiamo anche corpo di Gloria."

"Il corpo Buddico è il corpo dell’amore disinteressato, e questo amore trova la gioia nell’abnegazione… Questo amore è al di là del sentimento, è uno stato di coscienza che non dipende ne dalle persone ne dalle circostanze. È lo stato di un essere che si è talmente purificato, che ha talmente sviluppato la sua volontà da essere riuscito a elevarsi sino alle regioni sublimi dell’amore divino; qualsiasi cosa faccia, sente questo amore in lui e dispone di esso per aiutare tutte le creature.

La sola cosa importante, è amare. È coltivando un simile amore che nutriamo il corpo eterico e il nostro corpo Buddico, con il nostro sangue, questi fluidi con cui nutriamo i nostri corpi e che sono delle emanazioni prodotte dai nostri pensieri luminosi, i nostri sentimenti generosi, le nostre aspirazioni elevate.

Le virtù del corpo Buddico si riflettono sul corpo eterico. E siccome il corpo eterico è in stretta relazione con il corpo fisico, di cui è un prolungamento, gli comunica le vibrazioni molto potenti che riceve dal corpo Buddico. Il corpo fisico è quindi come elettrizzato, e la luce spirituale, invisibile diventa visibile…
È stato dato ad alcuni di vedere un santo, un iniziato in uno stato di rapimento, di estasi: hanno visto la luce irraggiare da lui, il suo viso irradiare. È così che si manifesta il corpo di Gloria."

Centri e corpi sottili
aura, plesso solare, centro hara, chakra…. Qualunque sia il grado di perfezionamento che i cinque sensi potranno raggiungere, questi …
14.00 CHF Aggiungere
Leggi di più ...

Il plesso solare, serbatoio e sorgente inesauribile di energie

"I nostri corpi sottili sono ciascuno uniti al corpo fisico attraverso due punti: il corpo eterico lo è attraverso il plesso solare e la milza. Il plesso solare dirige tutte le funzioni del corpo fisico; da lui dipendono la respirazione, l’eliminazione, la nutrizione, la crescita, la circolazione, il sistema nervoso… Egli si è formato molto prima del cervello ed è lui che lo ha formato e lo nutre. Se non è ostacolato nel suo funzionamento, il plesso solare è instancabile e ha tutte le possibilità di rimediare ai turbamenti dell’organismo, di guarire… Ed è la vita che conduciamo che da o toglie al plesso solare la possibilità di riprendere le sue funzioni e di ristabilire tutto in noi.
È un intera scienza che si studierà in avvenire. Per il momento è sforzandosi di vivere una vita pura, sensata, luminosa, in armonia con l’universo che si può agire su di esso.

Il plesso solare è il vaso che conserva il magnetismo vivente, come un olio, e quando questo si disperde, vi sentite indebolire, incapaci di concentrarvi… al contrario, se restate calmi, felici, sentite una dilatazione nel plesso solare, come una sorgente che scorre… Il plesso solare è il serbatoio delle forze vitali, l’accumulatore di tutte le energie. Se sapete come riempirlo quotidianamente, unendovi ai quattro elementi, al sole, alle stelle, sarà una fonte inesauribile che in voi si manifesterà sotto forma di luce, di saggezza, d’ispirazione, di forza, d’amore… Ecco il segreto delle rigenerazione dell’essere umano."

La vera resurrezione sott’intende la reincarnazione

"Come comprendere la resurrezione? Qualcuno muore, lo si seppellisce e si pensa che dovrà aspettare il giudizio finale alla fine dei tempi nella sua tomba. Ebbene, io non credo a una resurrezione che gli esseri aspettano così tanto tempo. Nulla di simile esiste nell’universo, dove si vede ovunque solo un attività incessante… La morte non esiste, solo la vita esiste, ma sotto altre forme. Certamente c’è un giudizio, e anche migliaia di giudizi, più volte nel corso della vita si è giudicati; e un giorno si passa dall’altra parte: un altro giudizio…

"Alla resurrezione, dicono i Vangeli, gli uomini e le donne saranno come gli Angeli nei Cieli”. Dove hanno potuto evolvere così formidabilmente? Non nella tomba in ogni caso, non c’è evoluzione nella tomba. Bisogna quindi comprendere che fra la morte e la resurrezione, vi è un intervallo di tempo durante il quale gli umani possono trasformarsi ed evolvere perché si reincarnano. Tutti sono predestinati a resuscitare un giorno e diventare come gli Angeli, di una purezza perfetta. Ma questa resurrezione sott’intende la reincarnazione."

Altre opere su questo tema:

L’uomo alla conquista del suo destino
Perché si nasce in un certo paese e in una determinata famiglia? Perché si è sani intelligenti, ricchi e potenti, amati da tutti o al …
14.00 CHF Aggiungere
Leggi di più ...
Verso una civiltà solare
Quando lo osserviamo, il sole ci appare come un disco luminoso misurabile e delimitato; il suo corpo materiale è distante fisicamente da …
14.00 CHF Aggiungere
Leggi di più ...


 

La Vita al centro di tutto
Sintassi della ricerca sui pensieri

Parola1 Parola2: cerca in almeno una delle due parole.
+Parola1 +Parola2: cerca nelle 2 parole.
"Parola1 Parola2": ricerca sull'espressione tra "".
Parola1*: cerca all'inizio della parola, qualunque sia la fine della parola.
-Parola: la parola dietro - è esclusa dalla ricerca.